Crea sito

Il Cimone da Doccia – Fiumalbo

Salire al Cimone da Doccia sopra Fiumalbo

Magnifico itinerario che risale le pendici prative del versante Sud-Ovest del Cimone, attraversando solitari ambienti di alta prateria sommitale. Dal Cimone si gode uno dei più vasti panorami visibili in Italia che, anche se non si ha la fortuna di capitarci in una giornata splendidamente tersa, si allarga per decine di chilometri. Salita assolutamente da non effettuare col cattivo o incerto tempo. Periodo consigliato: maggio-ottobre.

Tempo previsto ore 4:30/5
Dislivello 800 metri

 

 

 

 

 

Da Fiumalbo si sale in auto a Doccia dove parcheggiamo. Si raggiungono la Capanna dei Celti (1366 mt) e la vicinissima “Alpe di Sara”, da dove parte una mulattiera, risistemata ad arte dal Parco del Frignano, che sale verso Est con una bella massicciata e in leggera pendenza tocca una capanna celtica ben conservata e col tetto rifatto in paglia di segale (Fratta dell’Angiola). Di qui si prosegue sull’antica bella via fra due muri a secco fino a che si incontra una pista da sci da tempo abbandonata sulla quale il sentiero prosegue. Il sentiero è il sentiero CAI 489 che seguiremo fino al crinale.
Si raggiunge così “Il Muraglione”, enorme muro a secco di sassi squadrati costruito un tempo a protezione delle rovinose piene del rio Cella che scorre a fianco, m 1510, 0h30’. (nel 2015 ha subito un crollo parziale ma, fortunatamente, è stato recuperato grazie al Consorzio di Bonifica).
Attraversiamo il Rio Cella nei pressi del casotto (ristrutturato) una volta di servizio allo skilift e continuiamo fino a raggiungere il Campile, ampio spazio erboso, dove troviamo il cosiddetto Cristo dell’Alpe, 1637 mt (qui viene fatta una bella festa campestre a fine giugno, quest’anno il 1° luglio).
Abbiamo già un magnifico punto di vista sul Cimone. Si prosegue passando sopra il Padule, passiamo davanti alla fontana di Rossano, 1624 mt, e si raggiunge il Piano, ampia area umida di rilevante interesse naturalistico.
Attraversato un ruscello il sentiero punta in salita alla sella tra il Monte Lagoni, imponente alla nostra destra, e Monte la Piazza, per ampi spazi. Il paesaggio è magnifico in tutte le direzioni. Arrivati sul crinale, 1824 mt, intercettiamo il sentiero proveniente dal Libro Aperto, n. 447. e lo seguiamo fino alla base del Cimoncino. Qui il sentiero segnato aggira il Cimoncino a sinistra, ma è anche possibile risalire il Cimoncino stesso sulla ampia e facile cresta (a nostro avviso percorso più bello). Dal Cimoncino, 2118 mt, al Cimone il passo è breve e siamo in cima (tempo 2.30/3.00 dalla partenza)
Da qui scendiamo verso Pian Cavallaro e il Balzone tramite il sentiero CAI n. 485. Arrivati allo stradone lasciamo il 485 (che conduce passando sotto l’Alpicella del Cimone a San Michele), giriamo a sinistra e prendiamo la sterrata che passando sotto il Cimone ci riconduce al Campile, da dove torniamo agevolmente al punto di partenza seguendo di nuovo il sentiero 489.

A metà circa della discesa verso il Balzone, con una piccola deviazione verso sinistra, su un piccolo pianoro erboso possiamo vedere un interessante ricovero dei pastori.

Variante: A metà della sterrata che passa sotto il Cimone (corrispondente all’itinerario dei faggi del Parco del Frignano, perchè vi si possono osservare dei faggi secolari), nei pressi di una cabina elettrica in cemento, possiamo anche scendere tramite la vecchia pista di sci, accorciando un pochino, ma con terreno più difficoltoso. In corrispondenza di questa deviazione a sinistra si intravvede una mulattiera che corrisponde alla direttissima per il Cimone. –

L’Alpe di Sara  e il Borgo dei Celti sono ottimi punti di appoggio soprattutto per spuntino e bevuta ristoratrice al termine dell’escursione.

Tutte le immagini dell’itinerario

(le fotografie son state fatte in periodi diversi)

Al parcheggio in Doccia
la mulattiera e la capanna celtica
Al Muraglione

 

 

 

 

 

 

il Cristo dell’Alpe al campile
La fontana di Rossano
Il Piano

 

 

 

 

 

Il piano
Dal Piano: panoramica verso il Cimone
Dal Piano: panoramica verso Lagoni

 

 

 

 

 

 

Cimone
Salendo verso il Crinale, il Lagoni
sul crinale in salita verso il Cimoncino

 

 

 

 

 

 

sul 447
si fotografa il raro fiore della Veronica Ursiniana
Veronica ursiniana

 

 

 

 

 

 

Conformazioni rocciose dette “I Gendarmi”
In vista ormai del “Grande vecchio”
La stazione dell’Aeronautica Militare

 

 

 

 

 

 

sulla vetta! la Madonna del Cimone e il cippo di E’ Scamàdul
Il terrazzino del Piccolo Orizzonte
la classica foto sul punto culminante!!!

 

 

 

 

 

 

 

Il Cippo in ricordo della Torre Osservatorio
La targa di E’ Scamàdul
La vetta

 

 

 

 

 

 

Foto ricordo davanti alla chiesina della Madonna della Neve
La Madonna delle nevi
panorama verso il Passo del Lupo

 

 

 

 

 

 

 

Panorama verso il crinale del Giovo e Alpi Apuane
si scende verso il Balzone
si scende verso il Balzone

 

 

 

 

 

 

 

si scende verso il Balzone, ambiente incredibile
uno sguardo indietro
il ricovero dei pastori, piccola chicca da cercare

 

 

 

 

 

 

 

la sterrata che ci riporterà al Campile

 

 

 

 

 

 

I fiori del Cimone

Importanti sono gli aspetti naturalistici che si possono osservare con questa escursione accessibile a tutti, alle piante e ai fiori di rilevante importanza presenti nella bella distesa di Pian Cavallaro e sul Monte Cimone: la “Soldanella pusilla”, grazioso fiorellino campanulato di colore rosa. residuo glaciale, “l’Alchemilla alpina” con i suoi minuscoli fiorellini, la “Viola biflora”, minuscola viola di colore giallo intenso, la minuscola “Silene acaulis” tipico esempio di pianta priva di fusto simile al muschio, la “Draba aizoides” con i suoi piccoli fiorellini gialli, la “Gentiana Kochiana”, elegante genziana, la “Gentiana Verna” o Genzianella”,  e il “Geranium argenteum” geranio argenteo, con i suoi meravigliosi fiori di color rosa pallido. Abbiamo poi Astro alpino, Sempervivum montanum, Doronico, Pulsatilla alpina, Anemone narcissiflora e molti altri fiori

Veronica ursiniana

Nessuna fonte pare citare la Veronica Ursiniana, da noi più volte fotografata alla base della salita del Cimoncino e proprio sul sentiero. Pochissimi esemplari, trovati solo lì. Fiorisce da metà giugno a metà luglio. Se qualcuno ha notizia di altre stazioni in cui compaia questo fiore ce ne informi.

 

 

 

Genziana di Koch
Lino delle alpi [Linum alpinum]
Soldanella pusilla, relitto glaciale

 

 

 

 

 

 

Orchidee
Eriophorum, cresce ai bordi di ruscelli e laghetti
Dianthus armeria / Garofano a mazzetti

 

 

 

 

 

 

Gentiana verna / Genzianella
Astro alpino
Semprevivo montano

 

 

 

 

 

 

Anemone alpina o Pulsatilla
Anemone narcissiflora
Geranium sylvaticum, geranio silvano

 

 

 

 

 

 

Doronico
Caltha palustris
Geranium argenteum

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.