La tradizione in cucina: la torta Barozzi

La Torta Barozzi è la torta tipica di Vignola, dove viene prodotta dal 1886 dalla pasticceria Gollini.

‹‹…per descrivere la Torta Barozzi bisognerebbe essere per lo meno Tolstoj, mi scuso con la Torta se non son degno. Si presenta come una piccola zolla di terra, e come una zolla si sbriciola. È un incantevole mistero fatto di mille aromi che confondono il palato in una sinfonia di dolcezze…››
Michele Serra

Immagine dal sito www.tortabarozzi.it
La pasticceria Gollini
Torta Barozzi in vetrina – Pasticceria Gollini

 

 

 

 

 

 

Sul sito http://www.tortabarozzi.it si legge che : “La Torta Barozzi, oggi come in origine, viene prodotta con un metodo segreto ma con ingredienti bene in evidenza in ogni confezione. Leggendoli avrete un’altra bella sorpresa:  la Torta Barozzi non contiene glutine, è una specialità davvero adatta a tutti.”.

Ma chi era Jacopo Barozzi che dà il nome a questo dolce?

Jacopo Barozzi (1507/1573), detto “il Vignola” dal nome della sua città di nascita, fu uno dei più grandi architetti dell’Italia centrale della seconda metà del cinquecento. Fu attivo soprattutto a Roma, dove divenne architetto ufficiale di papa Giulio III. A lui si devono alcune delle più belle residenze dei Farnese, tra cui quella di Caprarola e numerosi edifici religiosi, che culminarono nel suo capolavoro, la Chiesa del Gesù a Roma.

La “Torta Bruna” fu creata da Eugenio Gollini e dedicata a Jacopo Barozzi in quanto illustre cittadino di Vignola

 

La ricetta originale quindi è segretissima. Qui, però, sul blog di Lucia Carniel, trovate alcuni suggerimenti per provare a fare una torta definibile – appunto – tipo Barozzi.

http://lultimafetta.it/it/la-torta-barozzi-di-modena-la-ricetta-orginale-e-solo-una/


Torta Barozzi® è un marchio registrato dal 1948.

Lo trovi su tutte le confezioni della Torta Barozzi originale.

Pasticceria Eugenio Gollini
Piazza Garibaldi 1/N
41058 Vignola (Mo)
Email: [email protected]
Tel: 059 771079

 

Precedente La Vecchia Locanda Zita a Vesale Successivo Poggioraso: Santuario della Madonna delle Grazie

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.