Le piccole borgate: la Sega a Ospitale

La Sega

La borgata della Sega a Ospitale si trova sull’antico tracciato della via Romea. Oltre ad essere un luogo ameno la Sega è famosa anche per il ritrovamento di antiche incisioni su lavagne di pietra che sono attualmente in fase di studio da parte della sovrintendenza di Modena.

Forse è l’abitato più antico della Valle con testimonianze archeologiche risalenti al II sec a.C.


Leggi: Iscrizioni preromane in Valle di Ospitale

Video su Youtube


Nelle mappe del XVI sec. la località è detta “Fabbrica” in quanto esisteva una segheria ed edifici dove si lavorava il legno e si fabbricavano arnesi e mobili.. Da qui passavano probabilmente il tracciato della Modena-Pistoia e quello più antico usato in epoca di Sant’Anselmo ( a metà del VIII sec.) che proseguiva verso SUD, senza oltrepassare il torrente Acquagrossa, e saliva ad Ospitale. Lungo il tracciato sono state scoperte scritte databili al I secolo a.C. incise su massi in una lingua di origine pre-romana, che incitavano la popolazione del luogo ad unirsi nella lotta contro Roma.

Nel XVI secolo il Concilio di Trento impose l’obbligo dei cognomi, quindi gli abitanti del borgo furono identificati dapprima come “dalla Sega”, cognome che mutò in Sega e poi Seghi.

La borgata

L’attuale borgata, di probabile origine cinquecentesca, come riporta la data scolpita su di un sasso, sorge ai piedi del Cinghio di Mezzogiorno.

La borgata ha un impianto serrato, con grandi edifici abitativi disposti prevalentemente su due livelli, come era tipico dei villaggi montani. Tra questi edifici degna di nota è una casa all’entrata del borgo, con un porticato che prende tutta la facciata inferiore e si prolunga per delineare uno spazio a corte. Il porticato con pietra a secco contrasta con il muro della casa che è intonacato. Vicino alla casa si trova una Maestà con portalino monolitico incassato in una piccola edicola con tetto a due falde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.